Archivio

Archivio dell'autore

La rivendicazione

Gli omicidi asseverano la conciliazione, pertinenti alla convenienza chiedono ai trapassati la restituzione della proprietà, poiché questi corrispondono la verifica del silenzio infiltrano l’inefficace minaccia e la vana intimidazione. I trapassati non devono assimilare il giovamento di una proprietà ottenuta con il disincanto, innanzitutto violano il godimento dei legittimi proprietari che, scagionati, ne diffondono meccanicamente la restituzione. Gli assassini deducono la proprietà finalmente significante, la morte.

Enunciato oscuro

Il desiderio spegne la fiamma della bugia.

Isola

La solitudine confuta il luogo comune della quiete, attenua l’agitazione nel fascino di un anonimo topos. Mondata dalle circostanze e dalle combinazioni  preterisce la metamorfosi dei nembi. Stregata dall’insolita abulia schermisce l’esteriorità dall’insolenza delle obiezioni. Alla luce delle appetizioni il plasma della solitudine volge in bellezza, non evade dalle osservazioni dapprima trepidanti, poi pertinaci. Alla solitudine è rivolto il verso del linguaggio, la comunicazione di un patetico paradigma. Disgraziatamente per le osservazioni dal paradigma non deriva il verbo sentimentale, alla pertinacia non segue la finalità. La bellezza è fuori osservazione. Esuberanti, le obiezioni orientano le mirabilie nella differenza imbellettata, di certo più lusinghiera. La solitudine riprova l’infinita permuta del medesimo, per nulla eguaglia l’isolamento.

La figura di senso

A un esperito dall’ultimazione dell’esercizio il superbo grado ordina la sospensione, la recluta non può più tergiversare, deve statuire le sue preferenze inerenti la destinazione. Disgiunta l’impostazione classica di un’eroina assuefatta all’ineluttabile contingenza, ella si allinea alla duplice preferenza, il confino o l’apolidia. Soddisfatto dalla radicalità degli esercizi in quanto la recluta ha scartato la preferenza unica, il superbo grado le ricorda come la destinazione non possa essere finitima all’asilo, inoltre alla domanda ellittica di sapere risponde con lo stupore dell’esercizio estremo. Esercitata l’estremità, ignota fino al compimento, alla graduale recluta è comunicata la destinazione, ella praticherà in qualità di esperta i citeriori esercizi nel luogo dei traslati.

Categorie:Articolo feriale Tag:

Diverticolo

Dal momento che il novero maggiore della concertazione morfematica è svuotato per l’efficace sospensione, i minori morfemi patiscono il disagio dello spazio maculato di scrittura. Per anagogia gli abitanti perennemente inefficaci devono farsene una ragione, l’intervallo opportuno per la riqualificazione degli slarghi coincide con il periodico agosto, in cui i contribuenti villani non evadono dalla soggezione e dall’obiettività in un trasferimento topico.

Singolar tenzone

Appiccicato alla pelle sintetica l’epitelio palpa la giostra inopinabile, tra gli alterchi stratificati più che il vellicamento increspa gli attributi asfissianti della rivalità insoffribile. In particolare palpa senza l’attrazione minimizzata, peculiarità del sudore, la pervicacia della soluzione definita nella moderazione, per quanto possibile, delle goffaggini. Gli elementi liquefatti non abbisognano di una scelta argomentativa, sanno che il condizionamento del principio aeriforme è il solo che avvinca il converso ambiente condensato. Muniti di acuminate offese acclimatate gli emuli cadono sotto l’unico colpo dell’efficacia portatile. Non c’è soluzione, le pluralità condizionate a schiera con deferenza per le intimazioni devono combinarsi con la molteplice condensa ambientale, pur stuzzicando la singolarità appartata non si scampa al campo ingombro di gocce assorbite al tornasole e di rivoli inariditi dallo sbandato stillicidio.

Ombra

Guarda caso i sudditi, coloro che gradiscono la profondità del dato, l’han denigrata, le si è imputata l’alterazione della forma. Nella masnada asseriscono l’impossibilità della fiducia in quanto essa sembra ostentare la forma altra ma alla luce insorgente del dato non è altra che un’altera deformazione, persino l’oggetto risposto nel suo campo vede modificarsi i propri limiti. La sua inaffidabilità è irrefragabile. Ancorché i sudditi si prodighino nel compiacere il dato, questo non li gratifica mai con il fatto, l’approfondimento dell’aspirazione è insensibile al dato di fatto. In un ardore palindromico  pure i sudditi tallonano la degradazione umbratile, supplicano il suo altero asilo, è un fatto.