La facoltosa passa in rassegna gli scaffali della libreria, tra un rimpianto che non snoda il fazzoletto e un luccicone non trattenuto in un batter di ciglio è turbata dall’insensibilità del gestore. Poiché questi non le si avvicina con l’illecebra dell’utilità decide di approssimarglisi con il consiglio.

Un testo con cui sospendere il dolore per la deduzione dell’essenza.

Il misosofo annuisce, si assenta per tornare con il narcolessico che fa al caso suo, la facoltosa troverà un trapasso nonché un’epigrafe alla quintessenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...