Il piccolo suo va in bizza, stupita dalla vanità dell’estensione fa appello all’estremo ridimensionamento, invola al catalogo della biblioteca il musetto di topo intrappolato nel grattare il corpo alla cicala, nel risalto che si fa in quattro non incallisce nelle peste, allarga le braccia a uno spazio personale, gli zimbelli non sono i soli avvantaggiati, anche il suo corpo non tollera più la voglia, di imperdonabile manica larga e tanto per cambiare tiene il piede in due staffe cosicché non le perda, le sono costate una rotta di collo, acciuffa lo scapolo in stato interessante e trova che non sia granché.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...