1. L’appagamento del bene s’infrange nella disfatta dell’involto.

1.1. Il difetto del bene presuppone l’inquietudine del fatto.

1.2. La restituzione integra la disfatta con l’adesione alle condizioni custodite.

1.3. La nota del trasporto dispensa dall’origine per un citeriore e insostituibile appagamento.

1.3.1. Il rintracciabile trasporto arresta il bene per uno sciopero avulso dalla retribuzione.

1.3.1.1. La manifestazione non compensa l’immaginazione.

1.4. Il destino del bene rimuove le aderenze e sminuisce, contiene il difetto.

1.4.1. È ineluttabile che l’appagamento sia risarcito fin dall’origine.

1.5. Nell’ambivalenza della resa e dell’anomalia il destino del bene opta per la prima.

1.5.1. Il destino, del resto, è adiaforo al ritorno.

1.6. L’oltraggio segue ad un’incollatura il difetto, l’etichetta consiglia che l’annullamento del bene sia pareggiato dall’appagamento del destino.

Annunci

2 pensieri su “L’estimo del nulla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...