La giornata no non eccepisce. Nell’insieme degli individui il maggior numero si è consegnato, almeno in un’occasione, all’enunciato performativo della giornata no, sia per l’efficacia sfavorevole e inadatta dell’agire, sia per i propositi irremovibili nel contenimento delle conseguenze ribelli, sia per le giunture che perfezionano un ordine ostile. L’ondulazione del frangente schiuma il disconoscimento della giornata no da parte della diva, tuttavia per quanto muta al no sboccato ella è oltraggiata dal giorno nero. Quale la dedica del giorno nero, l’indifferenza all’estetica? No. L’apatia allo struggimento? No. L’usura e l’abuso dell’interiezione naturale? No. L’inconcepibile aliquota speculare? No. Le piccole camere chiuse per ristrutturazione o gli spogliatoi inaugurati per l’intimità? No. Il campo della prominenza sacrificato all’oggetto? No. Il giorno nero della callipigia consiste in una spregevole assimilazione della venerazione, alcuna espressione è riferibile a Venere, la quale si ripromette di far scontare l’irriverenza.

Annunci

5 pensieri su “Il giorno nero di Venere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...