Home > Articolo transitivo > Nobiltà – locuzione e frase

Nobiltà – locuzione e frase

Nella pertinacia che oscilla senza l’allegoria pendolare tra l’avamposto morfematico che affonda nella continuità, nell’insistenza e una delega della vittoria relegata a passatempo della servitù, gli enunciati e le proposizioni delineati all’aprassia, il che non significa che siano scombussolati, frastornati, tantomeno emendati della combinazione e della smodatezza dalla peculiarità esplicita connotata dal titolo, passano in rivista la bozza non ancora, giammai voluminosa. Con l’idea che non aspetta la metamorfosi della rinuncia performativa e della composizione abnorme nonché imbellettata, essi s’imbattono, incappano in una prominenza; il contrattempo, lo scolio imprime l’ inopinabile emarginazione sennonché gli enunciati scombinati fuorviano l’impaginazione dello spazio, la pagina che fa una grinza, con il risentimento di una locuzione, tutt’al più le proposizioni smodate correlano l’aggrinzire della pagina, la pagina rinnega la rettitudine dispiegata, al ricetto della frase. La pagina che fa una grinza, obiettivamente se non a tutti gli effetti tutela la frase dagli accidenti.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: