Diabolo

Senza capo né coda il battibaleno soccorre il capogiro, ne sostiene il capo senza dirlo in giro. Al battibaleno si accoda il quattro e quattr’otto, la doppiezza che apostrofa il palindromo, in attesa dell’istante che si appella al momento e per tale enunciato è sempre attempato, dirige l’intrallazzo in un battibaleno. Senza comandare a bacchetta, dettare la lettura sullo stampo della legge è opportuno riferire l’origine del malanimo della doppiezza in ottavo, essa risente non solo che l’otto sia attorniato dal privilegio palindromico nondimeno nel vertice della protervia basta la disposizione al piatto orizzonte affinché sia lambito dall’infinito, va da sé che la doppiezza ritenga la disanima intollerabile e degna di apostrofi ben più ignobili. Ad ogni modo tanto il battibaleno quanto il quattro e quattr’otto si turlupinano sul disorientamento senza capo né coda, in effetti il giroscopio si contrappone alla svolta delle direttive, ruota senza perdere la traccia dell’orientamento. Il sotterfugio che non dà risalto alla calunnia sembra sia dovuto al suicidio, le bue bacchettone non si sono riprese dal flagello del lascito.

Annunci
  1. 1 ottobre 2016 alle 3:26 pm

    vertigini lasciate in asse…

    • 1 ottobre 2016 alle 3:39 pm

      Ad onta dello scioglilingua altezzoso la vertigine non patisce il discorso dilungato.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: