Macula

La superficie è una fiera. Di mole smisurata giacché non corpulenta occupa l’itinerario agiato degli accattivanti. In perenne cammino per eludere le tracce selvagge e soprattutto lo schema della cattività, gli accattivanti come prescritto dall’appena letto non possono permettere che un intralcio superficiale sia affermato. Orbene nell’approssimazione che adombra l’efferatezza essi non domandano il fare con le buone, in un modo o in una maniera devono, sono domati dal trapassare la superficie ferale, altrimenti gli accattivanti patiranno l’avaria in cattività. La sezione che particolareggia la fiera e gli accattivanti si adatta alla minuzia, ivi accade un quale evento che non scende nei particolari. Con l’onomatopea dell’uniformità che fa il verso la fiera evita il tatto della differenza, salvaguardati dal tratto gli accattivanti promettono d’impratichirsi, per assenso del dire, con la debolezza dell’uniforme superficiale, con la duttilità della superficie uniforme. La promessa manca la parola, gli accattivanti affermano la cattività, in quanto favoriti della forma non differiscono e a due spassi dell’etica sono dilaniati, lacerati e riferiti alla superficie.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: