Un corpo a corpo, due corpi prossimi al ravvicinamento non gettano dietro le spalle l’intorpidimento delle membra. Il baricentro è preterito, il contatto degli arti è un impaccio all’impostura del picchiapetto. Il pendente non s’incunea nella boccola, il borbottio dell’addome sventra e non smantella l’idea fissa. L’imbarazzo del silenzio, il sostegno agli arti tripanosomici, è disturbato dall’impiccio.

Annunci

2 pensieri su “Al riparo dalla vacanza: malattia del sonno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...