Il giustacuore contraddistingue l’assennatezza, riveste l’avventatezza con il senno di poi. Poiché il contrassegno non combacia con la distinzione la veste è astratta, senonché la trasparenza non brilla per l’umbratile, tuttavia la diopsi ombreggia l’interiore. In ginocchio, smisurata, la sconsiderata dal capo chino, esterna all’atto di figura – la figurazione, estende la sopravveste a mo’ di unguento e travisa la frizione dell’infiammazione con la fruizione dell’eccitazione. Solo un infervorato rappresenterebbe la citazione della veste con una pozione, l’essenza in acme, l’elisir che appanna l’entusiasmo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...