Diocle, fedele all’estensione del tema, il mathema, inclina la foglia del sempreverde nel cono della visione. Il rampicante è parallelo, inarcato, per una condivisione ortogonale o duplicazione della curva, Diocle detto, da allora, il girovago, da ora in poi l’insicuro, sale sul fusto e penzola come una cuspide. L’osservatore ammiccante lo addita come la cissoide di Diocle, appiana le divergenze. L’artefatto tanto caudale quanto allungato, un’ofiuride o la versione del cilindro.

Annunci

3 pensieri su “Parabola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...