Archivio

Archive for novembre 2012

Ontonomasia

All’essere non si addice l’attribuzione di cittadinanza.

Una pallida idea

La donna silenziosa prende la parola. Riprende le parole degli slogati, delle allogate, invita loro al silenzio. Una partecipazione non gradita, gli slogati non sanno come rispondere, se reclinare il silenzio, inclinare la parresia o fare le linguacce alla ripresa della parola; le allogate dispongono la parola in punta di lingua, ben nascosta dalle labbra, espongono le boccacce a dispetto della silenziosa sboccata. Gli omologati tacciono, la parola è morta in gola, la lingua è sulla bocca di tutti. Gli slogati tacitano, la donna in parola è un invito al dialogo. Le allogate rimboccano le labbra, la donna con la parola è una dichiarazione di logomania. Gli omologati abboccano, la parola della donna è un esercizio di logopedia; le omologate boccheggiano, la parola della donna logora. Il logotipo è la risposta degli slogati, retorici, delle allogate, dialettiche, degli omologati, delle omologate, panlogici, all’invito al silenzio della donna che prende la parola, una donna tutt’altro che silente.

Imbambolare

Adocchiare la congiuntiva del riguardo.

Parole senza contrassegno

Franco oltrepassa la cinta, se si immagina il balzo si giustimmagina la caduta china. Franco respira l’odore di terra coltivata, a carponi, ginocchio in successione di ginocchio, segna l’alternanza di terra privata dall’estetica del concime e del pubblico sterrato genuflesso in pediluvio. Franco estirpa una carota e spunta il latifondista con il bastone: dilata l’irritazione; degnante, Franco la prende in consegna franco destino.

Anabasi (passo spedito)

L’anabasi del filosofo deambula attraverso paesaggi disagiati ove l’illusione è una realtà disincantata, panorami inconsapevoli, ovvero una formazione naturale amorfa che ha sfidato e vinto la teleologica fruizione delle visioni, come se l’analogia possa asseverare e asservire il visto del pensare ad un campo percettivo espressamente finalizzato; l’altezza che i passi filosofici raggiungono, sintetizzando le orme prive di norma e sfumanti una forma che è propria di colui che dorme, invero una torma contro l’uniforme indossata come una divisa i cui fattori sommano la disciplina condizionata ad un segnale di illesa realtà e il cui disordine non intacca né incide il prodotto del processo, processo anastatico, sfacciatamente prevedibile, garanzia di una vita inerte, quieta, patologicamente rassicurante la certezza della terapeutica profezia, insomma il processo di pantomima della sicumera, il cui costrutto è il produrre.

Accovacciato su una lapide, il pensiero, una lastra analogamente splendente come un astro, oscurità rifrangente l’opacità e la trasparenza, il foro degli abissi, l’illuminazione necessaria aprioristica postulante le tenebre assolute in condizione di privazione del pensiero anabatico, in questo espresso attimo, spina epifenomenica, a nervi disvelati.

Certificato di garanzia

1. Ambito di applicazione della garanzia delimitata

1.1. Questa garanzia delimitata vi conferisce specifici diritti e rimedi nei confronti del teodomestico. Vi preghiamo di leggere attentamente questo documento, poiché, in caso di esercizio della garanzia, i termini e le condizioni in esso contenuti si presumeranno da voi conosciuti e accettati. Indipendentemente dalla garanzia delimitata, l’utente finale ha diritto nei confronti del profeta della garanzia teologica di conformità per 36 mesi dalla data di acquisizione del prodotto in base alle norme delle Sacre Scritture.

1.2. Il teodomestico garantisce che la costruzione logica del produrre, comprese le premesse e le conseguenze, al tempo dell’acquisizione (qui complessivamente denominata lettura), processata per la prima volta da un utente finale in uno stato di comunione d’intenti, la causa d’intesa, sia libero da vizi di materia e di pensiero in condizioni di uso normale, per tutto il periodo di garanzia come indicato nel documento di garanzia.

L’utente finale ha il diritto di rifiutare il prodotto teodomestico processato come causa d’intesa, ma avente le premesse e le conseguenze manomesse, informando il profeta.

1.3. Il presente documento funge da fattura d’acquisto del teodomestico, la lettura recante la data di scorrimento dei caratteri costituisce prova della sottolineatura, garante della lettura. Il periodo di garanzia decorre dalla data di lettura.

2. Esclusioni e limitazioni

2.1. Esclusioni

2.1.1. Ogni teodomestico reso difettoso in conseguenza di:

2.1.1.1. un uso della lettura diverso da quello ritenuto normale, compreso, a titolo meramente esemplificativo, l’uso difforme dalle istruzioni della “Guida” all’utente finale, o ogni altro abuso o negligenza riferita alla lettura, in sintesi: l’apostasia.

2.1.1.2. ogni modificazione apportata alla lettura, compresa la diffusione di parole non proferite dal profeta, in sintesi: l’eresia.

2.1.1.3. ogni lettura pubblica effettuata da altro soggetto che non sia l’utente finale, in sintesi: l’anatema.

2.1.2. Perdita o abbandono o silenzio del teodomestico. Siete responsabili di tutte le premesse e conseguenze del produrre.

2.2. Limitazioni e Rinuncia [esclusione] alla Garanzia

2.2.1. L’esercizio della presente garanzia delimitata fa presumere l’accettazione del produrre in base ai servizi di garanzia sopra indicati, come unico ed esclusivo uso del teodomestico.

 

Estensione della garanzia

Per ulteriori informazioni o per sottoscrivere un’opzione sempiterna della garanzia, quantificare la decorrenza dei termini teosofici.