Home > Articolo determinativo > Un ipotetico soggetto, fantasioso … (problema, oggetto)

Un ipotetico soggetto, fantasioso … (problema, oggetto)

Se io fossi un problema risulterei perennemente svolto, decomposto, dissezionato fino all’ultima periodica cifra della mia opera, come azione a ripetere i procedimenti che mi hanno condotto al punto in cui non sono ma dovrei essere; dettata come una parabola dai toni sensazionalistici con tanto di morale dal lieto fine della riuscita nella vita, la via d’uscita della vita, il rinvio alla fuoriuscita d’emergenza, in sicurezza, la mia biografia verrà passo – passo – compasso, comprovata, per non accumulare un errore comprensivo che alimenti fraintendimenti interpretativi, laceranti la mia mimica immagine idilliaca, gli aneddoti saranno la dote dei dati cui far riferimento per sbrogliare, dipanare il gomitolo annodato dei pensieri edificanti in coda al fabbisogno insonne di sapere … (confrontate la soluzione con la ritenuta d’esazione …)

Confronti … … … combacia l’affetto/effetto della soluzione combinata di certezze ed abitudini, espansa dal metodo cognitivo sintetizzante i problemi con il prestabilito valore universale del risultato già dato, programmato da un bel po’ e benedetto dalla perfezione di un’omologazione al giusto sistema di approccio alla vita con la semplicistica modalità psichica di affrontare le problematiche consequenziali al riconoscimento di identità, ligie al panorama architettato civilmente per una visione ambientale incantevole? L’incanto di uomini statuari, statici e manifestanti un’uniformità di vedute impressionante il disincanto. La risposta non può che essere eufemica e positiva all’analisi, l’umanità coniata come mezzo di scambio con il potere di annullare la morte nella dialettica di una vita in letargo e clonata per addolcire gli effetti di una comunicazione standardizzata e di una finalità di ogni purchessia nell’invariabile canone di una bellezza accomunata … il regno dell’identico nell’impero del medesimo … l’impercettibile maschera il germe del disavanzo, l’avanzata dell’infine ebbene azionante il piacere dell’atto in sé, eroe di una congestione da finalizzazione … inazione del metabolismo … meta commutata in cometa da inseguire … forse da contemplare … al massimo strutta …

Nel caso in cui amplificassi l’intensità della mia attenzione percettiva, divenendo un assoluto recettivo, il bersaglio perfetto dell’orientamento magnetico dei fenomeni a briglia sciolta, reali, puri sovrastanti, domatori le impressioni stagliate sulla pellicola delle mirabilie lungimiranti; dorsalmente ad intervalli, sarei un imitatore controverso del contraffatto surreale …

Potrei falsificare gli oggetti, spezzare le forme con la seduzione ammaliante, disincantante l’omogenea unità col soggetto, adescante, anzi, ibridi (il brivido dell’ibrido) inimmaginabili, briosa progenie di un’evoluzione selvaggia, nata dagli istanti di indisciplina … come anagramma del mimo presenterei la farsa del ridicolo stato di cose educante i nostri sensi alla mira spasmodica, “cerca e distruggi”, punta l’obiettivo, frazione di secondi, allontanarsi per distruggere, regole d’ingaggio autografate, il tutto sotto la supervisione del Dio in terra, sepolto sotto cumuli di cenere, assassinato da un vulcano infernale: la scena finale contempla la peregrinazione all’oggettiva linea di confine tra la morte fittizia o sospensione incosciente, e la resurrezione formale del campo gravitazionale, ovvero il riconoscimento del peso specifico ad ogni oggetto spodestato o meglio posseduto dall’informe … astante.

Ma se fossi un oggetto mi piacerebbe, desidererei, essere lasciato in pace con la mia beata tranquillità da contemplazione (dovrei possedere il punto di vista umano, però!), se proprio i soggetti non ce la si fanno a non dare schiavo sfogo alle manifestazioni di potere meschino, che mi spostino ad intervalli irregolari, così che la prospettiva del mio sguardo libero non sia monotona e, poi, l’idea che sia o possa essere visto come oggetto sessuale mi garba, poiché con il giusto umorismo posso costruirci su l’impalcatura del mio successo …

In somma, se fossi un oggetto di problema sarei resoluto.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: