Aion

L’estemporaneo non ha alcun appuntamento. L’agenda dell’estemporaneo è di formato tascabile, solo che le tasche dell’abito sono scucite e l’agenda è un oggetto smarrito. L’abitudine a consultare il quotidiano nel giornaliero delle pagine di un’agenda è confutata dalla lacerazione dell’abito. L’abito da giorno è sdrucito dalla replica del quotidiano. L’agenda smarrita è uno strappo nel quotidiano, uno squarcio nel tessuto dell’abito, nelle abitudini intessute, da richiedere l’intervento del sarto o di una toppa. La toppa che applica allo strappo del quotidiano lo straccio del rimedio, un abito che da giorno è il brandello di un giorno o, nel ricordo d’uso della replica, il brandello di due o tre giorni. Il sarto imbastisce l’abitudine su misura dell’epidermide anallergica. Le prove allergiche adattano il sebo. Il sebo è ciò su cui scivola l’abitudine, ciò che permette di dire che l’abitudine è ben portata. Il promemoria non ha memoria, nella precedenza della memoria, nella memoria precedente non c’è alcun riferimento, alcun termine a cui la memoria possa rinviare, a cui la memoria possa cedere il passo in segno di educazione al quotidiano, da cui la memoria possa svilupparsi in memore. La memoria non è ripassata. Il memore abbisogna del termine, del riferimento della memoria per estenderne il ricordo nell’accordo con il presente. Il memore ripassa l’appunto e mette un punto al periodo, i due punti del presente. Il memore è presente quando è stata presentata la memoria. La precauzione del memore che, come cauzione del ricordo, richiede la presentazione. In assenza di memoria non c’è presentazione del memore che possa affermare di avere già fatto le presentazioni, di aver assegnato un protocollo alla presentazione. L’immemore estemporaneo non ha alcun appuntamento e pertanto, è puntuale. L’estemporaneo improvvisa il proprio tempo, comincia la declinazione del tempo con la locuzione all’improvviso. L’improvvisazione dell’estemporaneo è sempre un’azione puntuale nel tempo. Non conosce l’inclinazione al ritardo o l’anticipo reclinabile. Più che altro è riconosciuta dall’altro come puntuale. L’estemporaneo incontra l’altro, il temporaneo. Il temporaneo è il memore di un appuntamento. Si è consegnato all’allarme di un multimedia per non dimenticare l’impegno preso. Al primo appuntamento è buona educazione non tardare, la serialità degli appuntamenti, poi, comporterà la diluzione dei minuti. L’allarme, salvato con un leggero anticipo sul tempo dell’appuntamento, l’anticipo è relativo alle abitudini del temporaneo, al tempo necessario all’abolizione della distanza; stordisce e rimette sull’attenti il tempo, l’etichetta del tempo. Il temporaneo riprende coscienza del tempo non ancora perso e, nell’equidistanza dal tempo perso, non vuole macchiarsi di un neo sul proprio tempo, è giusto in tempo. L’estemporaneo è puntuale, il temporaneo non ne è sorpreso, ma la buona conversazione, che spesso non è mai conversione di tempo, vuole che si sottolinei la puntualità dell’avventore. L’estemporaneo ne è sbalordito, come meravigliosa è la risposta che sventa la puntualità della domanda: avevamo un appuntamento noialtri? Il temporaneo strabilia la propria impresa, la corsa contro il tempo, il suo andare nel tempo. Stupisce il tempo a venire e dà tempo al tempo. Comprende il tempo dell’estemporaneo e l’appuntamento dei due tempisti muta in un incontro dei contemporanei. I noialtri sono i contemporanei del tempo privo di appunti, del tempo dell’incontro che, a dire dei temporanei, è un tempo spuntato. L’estemporaneo concorda con il contemporaneo e il tempo privo di temporaneità è il tempo in tempo. L’estemporaneo percepisce uno strumento al polso del temporaneo, l’orologio. Il temporaneo, che nel fra tempo, è divenuto contemporaneo ne spiega l’uso. L’orologio è la lettura dell’ora, legge l’ora in tempo, segnala ora sei in tempo, ora sei in anticipo, ora sarai in ritardo. L’orologio è l’in tempo privo del tempo, sostituisce l’ora al tempo. Non il tempo in tempo, ma l’ora in tempo. L’ora circolare nel quadrante dell’in tempo. L’estemporaneo dà del buontempone al contemporaneo e gli accorda il tempismo di chi vuol dare corso al ciclo di un sistema, il sistema del tempora. Nel momento in cui il contemporaneo sfila l’orologio per deporlo come cimelio del passato e metro di un tempo cronologico, l’orologio con la funzione di cronografo, l’estemporaneo ne raccoglie la giacenza. Ne percepisce le lancette, dalle tre ordinarie alle tre di precisione e, poi, riflette il vetro di protezione del quadrante. L’estemporaneo intraprende l’aion e lo pone a contatto con il vetro di protezione, poi lo stacca dal tempo di precisione per leggerne la misurazione. Il quadrante segna lo spostamento della lancetta ordinaria, lunga e sottile. L’estemporaneo non si raccapezza, è invertito, poi osserva con più attenzione, indugia e il vetro riflette la noia. Il cronografo si protegge dall’aion con il riflesso della noia.

Annunci
  1. paolalovisolo
    30 settembre 2012 alle 10:58 am

    ” L’immemore estemporaneo non ha alcun appuntamento e pertanto, è puntuale. ”

    bellissima lettura per me. tutta.
    a te piacendo piacerebbe a me… rebloggarla (uh che termine avvitante ) là su nevedicarne dove mi provo a scrivere (boh) naturalmente il rimando completo al testo sarebbe qui.
    ciao.
    paola

    • 30 settembre 2012 alle 4:42 pm

      Ciao, di certo la doppia affermazione del piacere non nega la condivisione. Il “termine avvitante” mi rimanda al direzionale avvitare/svitare.
      Grazie, Adamo di Compagnia

  2. paolalovisolo
    2 ottobre 2012 alle 8:18 am

    Reblogged this on nevedicarne di cara polvere.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: