Traffico

La struttura immobile è composta da un prefisso. L’auto è il prefisso immobile. L’immobile prevede il trasloco. L’immobile è il luogo fabbricato. Il luogo mobile, il prefabbricato è espropriato. Il luogo mobile è spianato sul pre del fabbricare, esteso nell’esproprio. Il luogo immobile è la proprietà del fabbricato. Proprietà registrata nell’appalto del faidate. Il trasloco zavorra il luogo mobile con il benestare del piano regolatore, il benestare garantisce la residenza dell’immobile. Le fondamenta del benestare piantate nell’ontotopia. Il piano regolatore, l’ontonomia, rilascia il certificato di costruzione in luogo della legge, il beneplacito. L’immobile ne raccoglie il bene e lo rinsalda al terreno con il benestare del luogo giustapposto, l’ontotopia. Il certificato di proprietà giustapposto al certificato di residenza notificano il luogo giusto, al posto giusto. La giustapposizione dell’immobile. Giustapposizione peraltro riconosciuta dalla posizione dello stato di cose. La giustapposizione dell’immobile, al posto giusto, è benedetta dalla contrapposizione dell’imposta. L’imposizione di un beneficio occupato da una struttura immobile. L’ontogenesi non conosce date di scadenza. È soggetta alla mora per il ritardo del benestare e, infine, è in regola con la dimora. La dimora a norma di legge. L’ontogenesi scandisce la struttura del prefisso. L’auto, nel benessere dei luoghi da fabbricare, prende possesso dell’appezzamento, del lotto di terra, il rudere di una destruttura, di un piano sterrato per articolare il luogo fabbricato. L’ontogenesi parte dal prefabbricato, dal luogo mobile. Espropria il piano dalla mobilità, dal mobile esposto al luogo fuori posto ed edifica il fabbricato. Si attiene alle regole del piano e struttura il fabbricato in aderenza alla composizione della dimora. Il pilastro contro il luogo fuori posto, contro i rivolgimenti del luogo è in cemento armato. Colato nel sottosuolo. Per armare l’edificazione di una struttura bisogna scavare nelle profondità del suolo, la materia prima del fabbricato deve rinsaldare il legame con gli strati della terra e non attenersi al reimpianto di una superficie fragile. Il pilastro antisismico, ovattante i moti della terra incontro al mobile spianato. La fragilità di una superficie terrena è ben riconosciuta dall’ontogenesi, che ha assistito a tante frane sulla china del malessere. Il fabbricato nelle fondamenta della struttura e con il pilastro nel sottosuolo consulta la rivista della percezione e istituisce il piano del benestare. Il luogo non è più la distesa dell’ontologia, il campo aperto al senso e al dissenso dell’essere privo di qualità, dell’ente in qualità di participio presente, è il luogo fabbricato, l’immobile dell’ontotopia. Ad onta del prefabbricato, del mobile improprio, da edificare ed espropriare, il fabbricato è nella sua solidità, la sicurezza della dimora. L’ontogenesi ha saldato, ha estinto la mora sulla scadenza e la dimora è pronta per il benestare. La dimora riscattata nel benestare. L’ontonomia regola i vari piani dell’edificio e con il beneficio del piano regolatore, il fabbricato è a norma di legge, in luogo della legge. A norma di sicurezza, la struttura immobile è fissa. Il piano fisso, per comporre la struttura, deve anticipare il pre, deve anticipare il prefisso, l’auto. Deve scomporre l’auto. L’auto vince l’appalto del faidate e fonda una società a responsabilità limitata. È l’amministratore unico della società e nei limiti della responsabilità opera la struttura, opera il fabbricato. Il tale auto evince dal vademecum come nei suoi compiti risulti la bonifica di terreni stagnanti, la ristrutturazione del ristagnante, per edificare il fabbricato della struttura. Nel limiti di una responsabilità, coopera a aumentare le entrare della società. Il talaltro auto, dopo aver ammirato un luogo incontaminato e aver espresso un desiderio sul cratere di una stella caduta, dà fondo al capitale limitato e, con tutta la responsabilità dell’appagamento, edifica l’immobile. Il luogo incontaminato è il prefisso di un immobile desiderato e il talaltro auto coopera a che la società accolga nuovi soci. I soci auto richiedono la firma dell’amministratore unico per l’edificazione della società da responsabilità limitata a società per azioni. Le azioni degli auto hanno cooperato a che i fabbricati s’intersecassero nel piano regolatore, fino al punto di saturarlo come un agglomerato urbano. Il prefisso dell’auto occupa lo spazio del piano regolatore, che trasloca nell’agglomerato urbano. L’auto urbano, amministratore unico della società a responsabilità limitata e amministratore delegato, in delega ai traslochi del piano regolatore, della società per azioni, convoca il consiglio sociale e la sociabilità è all’ordine del giorno. L’agglomerato urbano incrociato al piano regolatore ne denuncia le pieghe. Le grinze, le crespe della ristrutturazione del ristagnante. Le pieghe al piano regolatore sono i luoghi abusivi, i luoghi non edificati nell’ontonomia e nel benestare del luogo giustapposto, dell’ontotopia. L’ontogenesi perde di sicurezza, non si ritrova nei luoghi giustapposti. L’abusivismo dei luoghi crea una falla nella struttura del prefisso. Torna a farsi largo l’ontologia della distesa, del luogo disteso, del piano spianato. L’auto, il faidate, si affida all’altro, l’altro che non edifica ma spiana la struttura all’abusivismo. Non edifica, l’altro, fabbricati, immobili, non parte dal prefabbricato, dal luogo mobile, ma restituisce alla struttura il piano spianato. Le pieghe del piano spianano la strada al conglomerato sterrato. Il conglomerato senza fondamenta, superficiale e ontologico. Spianare l’ontologia per l’onto-struttura di una società ad accomandita semplice. L’auto, socio accomandante, risponde per l’ontogenesi, l’ontonomia e l’ontotopia, limitato alla responsabilità dell’edificazione, dell’immobile. Limitato al piano regolatore. L’altro, socio accomandatario, risponde per il conglomerato della piega, è obbligato illimitatamente all’ontologia del piano spianato, dello sterrato e amministra la società. La società ontologica. Il prefisso dell’auto si edifica nel suffisso dell’altro.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: