Peraltro

L’un l’altro danno a divedere il confine. L’altro, affine al definito, dà fondo al qualunque, indifferente al tal quale, converge il finito reciproco, all’origine della singolarità, e il quantunque ciclico, che misura la regolarità di ciascuno. Ciascheduno non opera uno per uno, coopera a che l’uno comprovi la condivisione dell’ognuno, esamini i passaggi dell’operazione nell’evidenza dell’uno per uno, uno diviso uno, risultato che fa l’uno. Il ciascheduno ogniqualvolta confronti l’operazione dell’uno per uno con la condivisione dell’uno, non opera l’uno, ma fa l’uno. Fare l’uno è il quoziente che avvalora l’uno. Privo di resto, l’uno sta a l’uno come la potenza dell’identità, qualsiasi numero che sia e non sia uno, elevato alla potenza dell’uno convalida se stesso. Il resto opera. Se il quoziente nell’implicazione del divisore non dovesse applicarsi al dividendo è per la sottrazione del resto, il resto dovrebbe essere addestrato all’addizione e operare il quoziente, ma il resto contraddice le quote condivise e, appunto, opera. Il resto opera e contraddice il fare uno. L’uno che disfa il certuno, l’alcuno evade dal fare uno, una volta ha fatto uno e condannato alla reiterazione dell’uno per uno, per tutte le volte, ha travisato le regole, con una lettura veloce e un apprendimento furtivo, nonché un’indolenza alla disparità, ha disfatto l’uno. L’alcuno disfa l’uno, ma non per questo opera. Inoperoso è, dipoi, nessuno. Nessuno nel nesso dell’uno susseguente, il progresso binario dell’uno allo zero, consegue la predisposizione dello zero, una volta per tutte. Nel nesso l’uno si consegna allo zero, zero che non specifica l’altro. Nel nesso lo zero contrassegna l’uno come nessuno. L’uno si confà allo zero nel prodotto e nella condivisione, l’uno si rifà all’uno nel nesso condizionato e sottratto allo zero. Taluno ha provato l’antecedenza dello zero, e si proietta nella posteriorità di Fibonacci. Insomma, taluno era sfinito dall’uno, solo uno. In quanto taluno, era in corrispondenza con nessuno, sommò l’uno allo zero e si ritrovò il tale uno. Taluno conobbe la scrittura di alcuno che disfa l’uno e soprattutto, il resto di ciascheduno. Nel resto che opera, taluno diede a divedere l’opera che non fa uno. Scrisse uno e riscrisse l’uno. Taluno trascrisse due volte uno. La trascrizione era però discontinua, il due volte uno era interrotto da un articolo, l’articolo che sovvertiva il prodotto, l’articolo introdotto, l’intrascritto e dal due volte uno fece mostra il due. Il due rimostrò le ragioni della propria inscrizione e diede avvio alla sequenza: il neonato più l’antenato: 0-1-1-2-3-5-8-13-21-34-55-89… La sequenza si diffonde nel territorio dell’uno e dell’altro. Giunge al confine. Talaltro, un invertito, secondo qualcuno orfano, decifra la sequenza in conseguenza, il numero presente contiene in sé il numero precedente senza riconoscerlo, il numero cinque, ad esempio, contiene il precedente tre ma non lo riconosce come antenato, afferma che è cinque volte uno, cinque volte ciascheduno ogniqualvolta nella successione faccia l’uno. Al talaltro non importa la successione all’infinito, neanche per idea d’uno, desidera che l’altro sia ricondotto all’uno, che l’un l’altro dividano, e diano e divedere, il confine nel fare uno. Infine sulla linea che demarca il territorio dell’un l’altro, a margine dell’uno tale l’altro, sulla linea che emargina, peraltro opera. Peraltro opera con il resto, moltiplica il resto e anche se agli occhi dell’uno che fa il talaltro non resta che null’altro, peraltro opera. Opera l’uno e mostra l’altro. Niuno è alla mercé dell’altro. Nel caduno l’uno che fa uno e l’altro che si confà all’uno, si affannano nell’indefinito d’altro, nel peraltro che rarefa la sicurezza, la condivisione dell’ognuno. L’altro non è l’alterazione così come l’opera non è l’operazione. Peraltro dà a divedere l’affinità all’altro e il comune divisore non è di certo l’uno.

Annunci
  1. Sara Cantieri
    25 gennaio 2011 alle 1:34 pm

    ho capito ben poco mi sono lasciata trasportare dalla sinfonia delle parole

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: