Home > Articolo determinativo > Offerta speciale

Offerta speciale

Una massaia, non-in-dividuale, chiude la propria dimora. Sale le scale e al penultimo pianerottolo si ritrova sul solaio (nel gergo inquilinato) o, per fissare il piano dell’immagine, sulla terrazza del caseggiato. L’ambiente è plumbeo e inclinato. La donna sostiene l’equilibrio del proprio corpo con la collaborazione della mano sinistra e di un corrimano. Al limite dell’asta abbandona il contatto e scorre sul piano scoperto dell’edificio limitrofo. L’ambiente è plumbeo e orizzontale. Alcuni passi decisi e l’entrata di immergenza è tosto visibile. Una spinta verso il basso sulla leva di sblocco e l’entrata è praticabile. Gradini accompagnano il percorso verso il basso, un muro e una parete impiantati ai margini dei ripiani, fungono da impedimento al disorientamento. La scala termina e un barbaglio estende lo spazio rapportato. Il supermercato. L’ambiente è illuminato, magnetico e negoziato. La massaia è salutata da un campanello ospitale. Ricambia con il ticchettio delle scarpe. L’ordine direzionale è segnato da un incrocio di sensi di marcia. Il senso di marcia orizzontale traccia la merce contingente (da tempo libero), il senso di marcia verticale traccia la merce di prima necessità. Sugli scaffali, gestori dei prodotti, sono proiettate le ombre dei corpi degli avventori. La massaia all’intersecarsi dei sensi di marcia, scruta l’offerta del giorno. È curiosa e si avvicina ai gestori che declamano su sfondo rosso il tre per due. I dotti, sempre preceduti del pro, la priorità dell’acquisto, dispongono di una serie di barattoli. La donna paventa che siano i recipienti della solita marmellata. Prende la parola e legge: “Assoluto sotto Spirito”. La conversazione è vaga, sembra quasi incipiente, per poi ricadere nell’oscurità. La materia prima dei barattoli è condizionante. In ogni declinazione non si può sfuggire al senso dell’offerta. E in sintesi la massaia adotta il tre per due. Torna sui propri passi dall’intersezione, e fruscia il denaro alla cassa, senza mora. Imbusta i tre barattoli per le due banconote, in posizione fragile per evitare che la materia prima s’incrini. Il campanello di fine rapporto erompe la vendita all’incanto, lei mostra il disincanto della pianta dei piedi. Una linea tangente la conduce alla propria dimora. La massaia non più non-in-dividuale, schiude il primo barattolo in senso antiorario, e assapora l’”Assoluto sotto Spirito”. Il gusto è naturale. Risoluta dischiude il secondo barattolo. Il retrogusto è essenziale. Coscienziosa e soluta apre il terzo barattolo. Anestetico il buongusto. In senso orario i barattoli sono svuotati e richiusi, la materia prima riversata: l’”Assoluto nello Spirito”.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: